Get Adobe Flash player

 


Staturo "Salvamento Nazionale Genova"  Scarica 


 

La Società Nazionale di Salvamento O.N.L.U.S. fondata nel 1871 da un gruppo di emeriti cittadini, tra i quali il Professor Giuseppe Maragliano, inventore del vaccino antitubercolare, fu successivamente eretta ad Ente Morale nel 1876 con Decreto a firma del Re Vittorio Emanuele II.

Numerosi ed illustri personaggi che hanno scritto la storia d'Italia, aderirono alla S.N.S. manifestando così il loro concreto contributo all'associazione a partire dai Re d'Italia sin da Vittorio Emanuele II e il Presidente della Repubblica Sandro Pertini, come Presidenti Onorari; mentre Giolitti, Salandra, Orlando, Sella, Brin, Nitti, Ratazzi, Marconi, Durand De La Penne, furono invece soci onorari.

La Società Nazionale di Salvamento, è stata la prima associazione al mondo a qualificare professionalmente i bagnini di salvataggio in servizio presso gli stabilimenti balneari, ed è inoltre autorizzata a rilasciare il brevetto di nuoto e voga ai marittimi che necessitano del libretto di navigazione.










Inoltre far parte della Protezione Civile Nazionale e della International Maritime Rescue, (ex ILF) costituita nel 1924, ha sede a Paole, in Inghilterra, presso la Royal National Lifeboat Institution, la prestigiosa organizzazione di soccorso in mare inglese che ne cura le funzioni di segreteria permanente, è una associazione che raccoglie 89 organizzazioni soccorso in mare governative e volontariato di 62 Stati marittimi distribuiti in cinque continenti; la IMR è anche membro consultivo permanente dell'IMO per i problemi del soccorso in mare e della sicurezza della navigazione. 



 


 

Oggi grazie al prezioso lavoro svolto dai propri istruttori presenti in 230 sezioni diffuse su tutto il territorio nazionale con oltre 60.000 soci, ha permesso di mettere a disposizione delle comunità locali un consistente numero di professionisti che operano prevalentemente negli spazi dove esistono stabilimenti balneari, contribuendo alla pressoché totale azzeramento della mortalità per annegamento.

Per questo motivo è necessario che anche le spiagge libere siano sorvegliate: attualmente per la Legge le Amministrazioni comunali sono obbligate SOLO a collocare un cartello che segnala la mancanza del servizio di salvataggio !!!

ma i cartelli NON salvano le persone... i bagnini sì.